Home -> calabria -> Mabos, il Museo d’Arte del Bosco della Sila

Mabos, il Museo d’Arte del Bosco della Sila

Mabos, il Museo d’Arte del Bosco della Sila. Cosa evoca in voi questo nome? In me fa nascere subito l’idea di una relazione d’amore tra arte e natura, tra quello che l’uomo è in grado di fare con le proprie mani utilizzando ciò che madre terra mette a sua disposizione. Non mi sono discostata di molto, in effetti. Ho scoperto questo giovane museo, nato solo nel 2017, grazie alla mia amica blogger, super esperta di Calabria (e delle sue montagne!) Maria Rita Aloi. E’ stata lei a parlarmene la prima volta e le sue foto mi hanno incuriosita, tanto che, durante la scorsa estate, le ho chiesto di accompagnarmi nella visita. Maria Rita è una guida fantastica! Conosce tantissimi dettagli e si vede proprio che ama la sua – la nostra – terra! Non smetterò mai di suggerire a tutti di leggere il suo blog e di seguirla sui social!

Mabos, il Museo d’Arte del Bosco della Sila

Il Mabos nasca dall’idea di rivalorizzare un grande spazio boschivo, di circa 30 mila metri quadrati, inserendo all’interno di percorsi natura, opere, per lo più in legno, realizzate in loco. Periodicamente artisti proveniente da tutto il mondo, arrivano in questa bella parte della Calabria e vivono una esperienza residenziale, una sorta di ritiro creativo ed artistico, abitando alcune casette messe a disposizione all’interno del museo stesso. Gli artisti lavorano: pensano, creano, si confrontano. Ed i visitatori del Mabos possono assistere al loro estro se si recano al museo durante uno di questi eventi. In altri periodi dell’anno possono invece camminare tra le loro opere più belle o visitare i laboratori dove sono contenuti schizzi, prove e molto altro materiale.

Sono tante le mostre/eventi che si tengono qui con il variare delle stagioni, molti dei quali mirano a coinvolgere anche il pubblico più giovane, cercando di avviare i bambini sia a percorsi di amore verso l’arte che al rispetto della natura, mediante corsi residenziali di orientamento e di scoperta.

Mabos: informazioni utili

Parco Hotel Granaro – Contrada Granaro – Sorbo San Basile (CZ)
coordinate GPS 39.0741398, 16.5153698
www.museomabos.com
https://www.facebook.com/museomabos/
info@museomabos.com
0961 922091

Seguimi

2 commenti

  1. Bellissimo questo articolo..mi piacciono molto i musei paesaggistici / naturalisti. Purtroppo sono stata in Calabria solo da piccolina e non ho visto niente…ci devo tornare !

    • La Calabria ha dei paesaggi davvero stupendi, con le montagne a picco sul mare, e tanti piccoli borghi da scoprire. Anche io la conosco pochissimo, nonostante sia di Catanzaro. Mi sorprende sempre con qualche chicca che non conoscevo!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Ti potrebbe interessare anche

Dove mangiare a Capo Vaticano: Trattoria da Mimma

Da quando è nato nostro figlio, anche se non abbiamo smesso di concederci pranzi e cene al ristorante, non abbiamo più la libertà né di ...

Il Semaforo: storico punto di incontro per i visitatori della Sila Piccola

Erano almeno 2 o 3 anni che tutti i miei amici e parenti di Catanzaro mi ripetevano che dovevo assolutamente provare la pizza de Il Semaforo, ...