Home -> diari di viaggio -> Un giorno d’autunno a Castel Gandolfo

Un giorno d’autunno a Castel Gandolfo

Castel Gandolfo è uno dei comuni dei Castelli Romani, forse tra i più noti per essere storicamente sede della Residenza Estiva del Papa. Si tratta di un piccolo borgo che sorge a due passi da Roma, visitato sopratutto dal turismo religioso, ma spesso meta di chi, come me, vive a Roma e vuol fare una veloce gita fuori porta, in un luogo che unisce storia, natura ed enogastronomia.
Da un anno circa, inoltre, sotto il Pontefice Francesco I, la Residenza Papale ed i giardini di Villa Barberini, sono stati aperti al pubblico. Un motivo in più per visitare il piccolo borgo.

Cosa vedere a Castel Gandolfo 

Il centro storico è davvero molto ristretto: da una piazza centrale, Piazza della Libertà, riuscite ad accedere con lo sguardo a tutto quello che andrete a visitare.

IMG_3126_602x401
Primo fra tutti la Residenza Papale, ed il balcone da cui nei mesi estivi viene celebrato l’Angelus. Ora che è visitabile, contiene una galleria con i ritratti dei Papa che si sono succeduti fino ai giorni nostri, abiti e ornamenti religiosi storici e ricostruzioni di antiche corti ecclesiastiche. Davvero interessante. Il biglietto (10 €) include anche l’audio guida.
Nel cortile è esposta l’auto storica utilizzata da Giovanni Paolo II per i suoi spostamenti a Castello. Una volkswagen targata SCV1.

IMG_3159_602x401 IMG_3171_602x401
Tornando in piazza potete fermarvi ad osservare la fontana centrale, purtroppo piuttosto mal messa, opera del Bernini, ed entrare nella Chiesa di San Tommaso. Nella piazza noterete anche molti negozietti di souvenir, se volete far shopping e portare un ricordo con voi.

IMG_3128_401x602 IMG_3123_602x401
Con la Residenza alle spalle, attraversando l’intera piazza vi ritroverete sul breve corso, pieno di tavolini dei tanti locali che ne affollano i due lati. Una passeggiata piuttosto veloce ma d’obbligo, anche perchè vi condurrà all’ingresso dei Giardini di Villa Barberini. Io, purtroppo, non sono ancora riuscita a visitarli, ma guardando un po’ di foto in giro, credo che ne varebbe la pena e spero quindi di integrare questo racconto tra qualche mese!

IMG_3206_401x602
Il vero motivo per cui io però amo andare a Castel Gandolfo è un altro. Tornate in piazza e prendete la piccola discesa che si trova alla destra della Chiesa di San Tommaso. Non serve neanche percorrerla per capire quello di cui voglio parlarvi.
Si aprirà davanti ai vostri occhi un terrazzino con uno spettacolare panorama sul Lago Albano. Potrei restare ore ad osservare questo ovale creato dalla natura. Si tratta infatti di un lago vulcanico, il più profondo d’Italia, con pendii in parte ripidi e scoscesi ed in parte talmente morbidi da averne ricavato spiaggette per l’estate.
Da questo balcone parte anche un sentiero che vi porterà fino alla stazione ferroviaria di Castel Gandolfo.

IMG_3127_401x602 IMG_3199_401x602 IMG_3103_602x401 IMG_3113_401x602
Se avete ancora tempo, potreste mangiare in uno dei  ristoranti del Borgo, alcuni hanno anche una splendido affaccio sul lago. Io ho provato Lo Spuntino e non mi è dispiaciuto per niente!
Dopo pranzo, se siete in macchina, o avete voglia di camminare un bel po’ (circa due km scendendo dalla stessa via che passa dalla Stazione di Castel Gandolfo) potete allungarvi a fare una passeggiata rilassante sulle rive del lago.
In un giorno d’ autunno a Castel Gandolfo, e sulle sponde del lago, è possibile ammirare gli alberi che perdono foglie ramate e rosso fuoco al vostro passaggio. Io, che amo particolarmente i colori caldi dell’autunno, mi perdo ad osservare il contrasto coi primi freddi, e con l’acqua talmente calma da sembrare uno specchio.

IMG_3224_602x401 IMG_3231_602x401 IMG_3258_602x401

1 Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Ti potrebbe interessare anche

Monterano

Monterano, borgo fantasma e set cinematografico

Da poco più di un mese non siamo più in due nella vita e, di conseguenza, a viaggiare. Essere madre ha sconvolto la mia esistenza: ...

Trecca Bistrot Roma

Trecca Bistrot: cucina romana rivisitata in zona Ostiense

Avete presente quei locali tutti a vetro che, anche solo passandoci davanti, siete portati a guardar dentro e ad esclamare “che posto carino”? Ecco, il ...