Home -> diari di viaggio -> Organizzare un viaggio a Ginevra: informazioni utili

Organizzare un viaggio a Ginevra: informazioni utili

Ginevra è una delle principali città della Svizzera, situata nell’omonimo cantone su di un lago che prende anch’esso il nome dalla città stessa e che, con il suo Getto D’Acqua, è diventato il simbolo della cittadina. Oggi voglio darvi tutti le informazioni utili per organizzare un viaggio a Ginevra.

Come arrivare a Ginevra

Ginevra non è molto distante dal confine italiano; la città più vicina è Aosta, che dista circa 150 km. E’ possibile quindi raggiungere Ginevra in automobile, percorrendo una comoda rete autostradale.

Inoltre, molte delle grandi città del nord, come Torino o Milano, sono collegate da un’ottimo rete ferroviaria, per cui la città risulta raggiungibile anche in treno.

Il metodo più semplice e comodo resta, ovviamente, l’aeroporto, con voli diretti dai principali scali italiani operati da diverse compagnie, anche lowcost (noi abbiamo utilizzato un volo easyjet da Fiumicino).

Viaggio a Ginevra

Come raggiungere Ginevra dall’aeroporto

L’Aeroporto Internazionale di Ginevra, situato a Cointrin, dista circa 5 km e dieci minuti dal centro della città ed è comodamente accessibile grazie a diverse linee autobus o al collegamento ferroviario. Arrivati in aeroporto troverete un totem che eroga biglietti gratuiti per raggiungere il centro città (esibendo in caso di controllo il vostro biglietto aereo).
Informazioni sugli orari dei collegamenti città/aeroporto.

Mezzi pubblici a Ginevra

Il centro di Ginevra è piuttosto piccolo ed è facilmente percorribile a piedi, nonostante le molte salite/discese che incontrerete. Il mio consiglio è quello di usare i mezzi pubblici solo per spostarvi in direzione Nazioni Unite o verso il CERN. In ogni caso, in hotel vi forniranno gratuitamente un carta per accedere a tutti i mezzi pubblici per l’intera durata del vostro soggiorno (autobus, tram e piccole imbarcazioni che attraversano il lago!). Comodo ed economico, no?

Viaggio a Ginevra

Musei, attrazioni e Geneva Pass

Per l’elenco di cosa vedere a Ginevra vi rimando al post di dettaglio che ho già pubblicato! Molte delle attrazioni sono comprese (o sono comunque scontate) acquistando la Geneva Pass, una carta della durata di 24, 48 o 72 ore. Vi consiglio di verificare l’elenco dei siti che vorreste visitare e di comparare i prezzi con e senza Geneva Pass, per valutare l’effettiva convenienza della carta (la mia esperienza è che, solitamente, conviene!). A noi ci è stata fornita gratuitamente dall’ufficio turistico di Ginevra, che ringraziamo per questa gentilezza.

Organizzare un viaggio a Ginevra: prima di partire

Prima di organizzare il vostro viaggio a Ginevra è necessario che sappiate due cose: i costi ed il clima. Ginevra, come tutta la Svizzera, è una città carissima: gli hotel sono mediamente molto più costosi che in Italia ed il cibo è costosissimo! Mettete in conto un budget un po’ più elevato per questo tipo di spese.

Per quanto riguarda il clima, anche qui si apre qualche nota dolente. La città è piuttosto fredda, tira spesso un vento gelido che viene dal lago ed è quindi necessario coprirsi molto bene anche in stagioni da noi considerate calde.

Come risparmiare a Ginevra

Nonostante il costo della vita a Ginevra sia molto alto, è possibile utilizzare qualche piccola accortezza per risparmiare. Prima di tutto il mio consiglio è quello di prenotare il vostro hotel con largo anticipo in modo da avere accesso ad offerte limitate. Il secondo consiglio che mi sento di darvi è quello di evitare, se possibile, i ristoranti, considerando che anche un semplice fast food può essere molto più caro che in Italia. Comprando da mangiare nei supermercati presenti nel centro storico, che vendono anche piatti pronti, oltre a panini e affini, è possibile risparmiare moltissimo. So che assaggiare i piatti tipici fa parte del viaggio ma per una volta noi ci abbiamo rinunciato!

Assicurazione viaggio

In passato non siamo mai stati grandi fruitori di assicurazioni, sono sempre stata piuttosto fatalista e che, a eccezione di alcuni luoghi  come gli USA, non fosse necessaria una copertura sanitaria particolare. Questo era vero fino alla nascita del nostro piccolo viaggiatore. Da quando ci muoviamo con lui preferiamo essere più cauti e tutelarci da eventuali problemi pre partenza o durante il soggiorno stipulando una polizza viaggio che ci faccia vivere la vacanza nel modo più sereno possibile.

Cosa mettere in valigia

Ovviamente dipende dalla stagione, ma ricordatevi di portare sempre qualcosa per il freddo e per la pioggia! All’interno dei musei fa invece piuttosto caldo quindi i classici vestiti a strati andranno più che bene! Non dimenticate caricatori vari, macchina fotografica e…documenti!!!

Elettricità e prese elettriche

Sono utilizzate prese elettriche di tipo C o di tipo J, con 220 volt.

Rete Telefonica

I nostri telefoni cellulari funzionano perfettamente ma, ad oggi, sono ancora presenti costi di roaming, oramai abbattuti nell’Unione Europea. Prima di partire informatevi sulla possibilità di speciali pacchetti dati/voce con il vostro operatore.

Lingua

A Ginevra si parla prevalentemente il francese.

Post scritto in collaborazione con Erv

Seguimi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Ti potrebbe interessare anche

Cosa vedere a Ginevra

Cosa vedere a Ginevra: 10 luoghi imperdibili

Siamo stati a Ginevra solo per un weekend e posso dirvi che visitare Ginevra in due giorni è più che fattibile, organizzandosi bene, date le ...