Home -> diari di viaggio -> Cosa vedere a Ginevra: 10 luoghi imperdibili

Cosa vedere a Ginevra: 10 luoghi imperdibili

Siamo stati a Ginevra solo per un weekend e posso dirvi che visitare Ginevra in due giorni è più che fattibile, organizzandosi bene, date le dimensioni ridotte del suo centro storico ed i mezzi pubblici molto ben funzionanti (che collegano il centro ad altri luoghi di interesse). Sicuramente non abbiamo avuto modo di vedere davvero tutto, ma grazie ad una visita guidata organizzata in collaborazione con l’Ufficio Turistico di Ginevra, abbiamo potuto apprezzare la città e, in particolar modo, la sua storia: sapete che tantissimi personaggi storici sono passati da qui? Vi cito solo qualche esempio, la principessa Sissi e Jean Jacques Rousseau, prima di raccontarvi cosa vedere a Ginevra

Cosa vedere a Ginevra

Nonostante il freddo ed il cielo grigio che ci hanno accompagnati per tutto il tempo e che sicuramente hanno inibito alcune cose che con il sole avremmo fatto molto volentieri (ad esempio un giro in battello sul lago di Ginevra), trascorrere un weekend a Ginevra ha sicuramente il suo fascino. Ecco le mie 10 cose imperdibili a Ginevra!

Cosa vedere a Ginevra: il centro storico

Il centro storico di Ginevra è visitabile completamente a piedi con passeggiate brevi e piacevoli anche se, a volte, un po’ faticose viste le tante salite.

Cattedrale di Ginevra

Impossibile non visitare la cattedrale di Ginevra e salire sulle sue torri da cui si gode di una splendida vista sulla città e sul suo lago!  La Chiesa protestante, dedicata a San Pietro, nel corso dei secoli è stata rimaneggiata fino all’aspetto attuale; le colonne che precedono il portone principale ricondano molto il Pantheon di Roma.

Rue du Marché e i dintorni di Plaza du Rhone: le vie dello shopping

Non sono una appassionata di shopping ma ho trovato estremamente piacevole passeggiare lungo questa via larga ed ordinata, con negozi di ogni genere e qualche piccola galleria con scorci davvero graziosi ed insoliti.

Place du Molard

Forse il luogo che mi è piaciuto di più di tutta Ginevra e posso solo immaginare come sia ancor più bello sotto il sole. Una piazzetta incantevole, con tanti locali ai lati che, nelle belle giornate, allestiscono i loro tavolini all’aperto. Andando verso il lago si può notare una torre suggestiva con un arco.

Ginevra, cosa vedere a due passi dall’acqua!

L’acqua è da sempre uno dei temi dominanti dei miei viaggi, motivo per cui sono molto dispiaciuta di non aver potuto fare il giro in battello sul lago a causa del maltempo. Ci sono comunque diverse cose da fare e vedere vicino al Lago di Ginevra.

Getto d’acqua (Jet d’Eau)

E’ il simbolo della città, un getto fortissimo, che arriva fino ai 140 metri  di altezza e che è visibile da tutti i punti della città. Vi lascio giusto qualche altro numero: l’acqua ha una velocità di 200 km/h,  una portata di 500 litri al secondo e una media di 16 secondi impiegati per ricadere nel lago, il totale della massa d’acqua sospesa nell’aria si aggira intorno alle 7 tonnellate.

Orologio Floreale (o del fiore)

A pochi passi dal lago, all’interno di uno splendido e ben curato giardino inglese, si trova un orologio, perfettamente funzionante, disegnato interamente con aiuole e fiori colorati che vengono cambiati nel corso dell’anno. L’opera è un omaggio ai maestri orologiai della città.

Passeggiata sul fiume/lago

Non potendo prendere il battello ci siamo dedicati ad una lunga passeggiata che parte dal fiume Rodano e arriva al lago Ginevra. Abbiamo anche usufruito del trenino turistico che percorre il lungo lago e consente di gustarsi lentamente ogni dettaglio.

Visitare Ginevra: musei e monumenti di interesse

I luoghi ed i musei di Ginevra sono di certo più numerosi di quelli che sto per citarvi, ma dovendo proporvi un itinerario di due giorni mi limito a segnalarvi quelli secondo me irrinunciabili.

Museo della Croce rossa

Il movimento internazionale della Croce rossa e della mezzaluna rossa vede i suoi natali proprio a Ginevra e la città ha dedicato alla sua storia un museo interattivo fatto molto bene. Al suo interno, tra le altre cose, cito L’archivio dell’Agenzia internazionale dei prigionieri di guerra 1914-1923 che è iscritto al Registro della Memoria del mondo dell’UNESCO. A poca distanza, di fronte al Palazzo delle Nazioni Unite, non perdetevi The Broken Chair, un monumento dedicato alle vittime delle mine antiuomo.

Museo Patek Philippe

Che Svizzera sia sinonimo di orologi è un fatto risaputo. A Ginevra, oltre ai tantissimi negozi dedicati a tale oggetto (sia catene molto famose, alcune nate proprio qui, sia piccole orologerie artigianali) è possibile visitare un museo dedicato al famoso marchio ginevrino: Patek Philippe. Nell’elegante palazzo vengono messi in mostra i cinque secoli di storia della ditta, dai primi orologi a pendolo e da taschino fino alle collezioni attualmente in vendita.
Informazioni su costi e orari.

Monumento a Frankenstein

Sapete che il romanzo di Mary Shelley fu scritto proprio in una delle colline intorno alla città? In suo onore è stata posta una statua molto particolare, un Frankenstein in abiti moderni, in uno degli spiazzi più grandi della città, Plainpalais, dove si svolgono mercati cittadini e molte altre attività dedicate alla popolazione, tra cui un enorme percorso di skateboard ed un parco giochi.
A me è piaciuta particolarmente anche la prospettiva d’insieme che si gode da questo punto, con le montagne che circondano la città.

Monumento ai Riformatori

All’interno del Parco delle Bastioni (anche qui è presente un’area giochi davvero notevole, con tavoli da ping pong e scacchiere enormi) è situato questo importante ed imponente monumento di Ginevra, dedicato a personaggi, avvenimenti e documenti riguardanti la Riforma protestante. Molto significativa la frase incisa sulle quattro statue dominanti (Farel, Calvino, Beza, Knox): Post Tenebra Lux.
Se state pensando di organizzare un periodo più lungo a Ginevra e avete voglia di avere più dettagli su cosa vedere a Ginevra vi consiglio di visitare il sito geneve.com.
Buon viaggio!
Seguimi

1 Commento

  1. Siamo stati per capodanno e, nonostante il freddo, mi é piaciuta molto

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*