Home -> diari di viaggio -> 15 canzoni italiane per celebrare l’estate

15 canzoni italiane per celebrare l’estate

Ci siamo! Finalmente è arrivata. In diverse zone d’Italia viene emblematicamente definita “la stagione”, perché non ha bisogno di ulteriori presentazioni.

Nel Belpaese l’estate non è una stagione come le altre, è l’argomento di tanti discorsi in famiglia, con gli amici, al lavoro; se ne parla tutto l’anno.
E poi finalmente esplode il caldo ed esplode nella testa di tutti un solo pensiero: vacanzeeee!!!
Ed è quello che “urla” la voce prodigiosa di Giuni Russo.

Passiamo da un inno ad un altro. È sempre e comunque il trionfo dell’estate e di
questo senso di festa che vola e che va
sopra tutta la città
nella lunga estate caldissima
questo senso di vita che scende e che va
dentro fino all’anima
nella lunga estate caldissima

Video spavaldissimo 🙂 girato negli USA per questo successone degli 883.

Imprescindibile, quando si parla di estate, l’equazione estate = amori estivi.
Già l’Italia del boom economico degli anni ’60 cantava di questo in Pinne fucile ed occhiali di Edoardo Vianello.
Con le pinne, fucile ed occhiali
Quando il mare è una tavola blu
Sotto un cielo di mille colori
Ci tuffiamo con la testa all’ingiù!
Mentre tutta la gente è assopita
Sulla sabbia bruciata dal sol
Ci scambiamo nell’acqua salata
Un dolcissimo bacio d’amor!

Nel 2017 ne parla, con la sua consueta grinta, Giusy Ferreri nel brano Partiti adesso.
Non lo senti come brucia il cuore
Questa scossa arriva fino al mare
Non lo senti come va feroce
Un nuovo amore quest’estate ci porterà
A nuovi gradi di sciocchezze e fragilità
Un nuovo amore quest’estate ci travolgerà

È una carezza, invece, la stupenda Sapore di sale di Gino Paoli.

L’estate e le vacanze, in particolare l’annuale “trattativa” per decidere dove andare in vacanza, non sfuggono allo sguardo ironico degli Elio e le Storie Tese (con Giorgia) in Ignudo fra i nudisti. Video esilarante con la regia di Maccio Capatonda.
Partirò, partirò
Ogni estate c’è un dilemma estivo
Se andare al mare
O andare ai monti
Dobbiamo decidere
Io ad esempio voglio andare al mare
Fare il bagno con le arselle alle Seychelles
Io ad esempio voglio andare ai monti
Là sulla vetta insieme all’orso
A me in montagna
Mi prende la voglia di andare al mare
Mi butto dal monte
Tu sorridi, io m’angoscio

Potrebbe sembrare strano, ma basta riflettere un attimo per rendersi conto che tante canzoni che parlano di estate non parlano però di bagni spensierati, gelati, passeggiate, pedalò, amori esaltanti, ma sono piuttosto connotate da un certo spleen. Ne è un esempio magistrale Guardia ’82 del cantautore Brunori SAS: il passare del tempo segna la nostra vita e cambia le aspettative, trasforma le nostre emozioni, pur ritrovandoci sempre sulla stessa spiaggia (stesso mare :-)). C’è un po’ di malinconia, anche se… alla fine…
E poi, di colpo fra le sue braccia
Noi due, stretti sotto la doccia
La paura e la voglia
di fare l’amore
Il 31 d’Agosto
c’è una storia che nasce
e un’estate che muore…

Il tema della nostalgia per le estati del passato è molto diffuso nella musica leggera italiana. Ne è un esempio recente (2016) il successo di Raphael Gualazzi L’estate di John Wayne, che sin dalle prime battute ci catapulta indietro in un clima anni ’70 con riferimenti a “Figli delle stelle”, “La febbre del sabato sera” etc.
Anche il video rimanda spiritosamente a quella atmosfera.

È ancora la nostalgia, in questo caso come rimpianto per un amore durato solo il tempo di una vacanza, il tema di una cover plasmata dalla consueta grande sensibilità di Franco Califano, che in Un’estate fa riscrive ed interpreta in italiano “Une belle histoire” di Michel Fugain.
Un’estate fa non c’eri che tu
ma l’estate assomiglia a un gioco
È stupenda ma dura poco,
poco, poco, poco.
E finisce qua la storia di noi due
sono cose che succedono
Nel 2001 sono poi i Delta V a riarrangiare e interpretare nuovamente il brano di Califano.

Ancora malinconia per un amore, insieme con atmosfere sognanti e una voce speciale sono il cocktail perfetto di questo successo senza tempo: Bella d’estate, cantata da Mango e composta dallo stesso artista insieme con Lucio Dalla.
È solo un addio,
Credimi io non ci penso mai.
Vedo che hai pianto
Tu lo sapevi ma da quando?
Bella d’estate vai via da me
Notte d’incanto
È bello vedere le luci laggiù
Io sono stanco
Non voglio parlare… parla tu
Bella d’estate vai via da me

Il ricordo di un amore estivo finito si affaccia anche nella famosissima L’estate sta finendo degli psichedelici Righeira, mostri sacri della disco italiana anni ’80.
L’estate sta finendo e un anno se ne va
Sto diventando grande, lo sai che non mi va
Una fotografia è tutto quel che ho
Ma stanne pur sicura, io non ti scorderò

È ancora l’amore perduto il tema di Vento d’estate, hit dell’estate 1998 cantata da Niccolò Fabi e Max Gazzè.
Ho lasciato scappar via l’amore
l’ho incontrato dopo poche ore
è tornato senza mai un lamento
è cambiato come cambia il vento
Vento d’estate io vado al mare voi che fate
non mi aspettate forse mi perdo

Una canzone, parlando dell’estate, può dare i brividi, può portarci molto lontano. È il caso di Summer on a solitary beach, in questo video in una stupenda interpretazione dal vivo di Franco Battiato con Alice e la Ensemble Symphony Orchestra.
Passammo l’estate su una spiaggia solitaria
E ci arrivava l’eco di un cinema all’aperto
E sulla sabbia un caldo tropicale dal mare
E nel pomeriggio quando il sole ci nutriva
Di tanto in tanto un grido copriva le distanze
E l’aria delle cose diventava irreale
Vi è mai capitato?

Non tutti possono permettersi una vacanza, e si può provare quasi un senso di claustrofobia a rimanere nella città deserta mentre gli altri sono via. In Estate in città Marracash parla di questo, e della nostalgia per le vacanze al risparmio di quando si è ragazzi
Se ripenso alle vecchie vacanze
Con cash o senza eran belle vacanze
Esco di testa qua tra quattro stanze
Io alla finestra conto le ambulanze
La TV parla di macchine tedesche
Moda italiana e tecnologia giapponese
Viaggi in Tunisia e bella vita
In radio l’idiozia da balli di gruppo

Ognuno ha un’estate che non può scordare e che associa ad una canzone particolare. Anch’io ne ho tante. Sicuramente la colonna sonora indimenticabile di un’estate magica è per me Un’estate italiana di Edoardo Bennato e Gianna Nannini. Purtroppo quel Mondiale, che ha fatto sognare tutti noi che c’eravamo, non è finito come speravamo, a causa della fatidica lotteria dei rigori. Ma sono state comunque…
Notti magiche
Inseguendo un goal
Sotto il cielo
Di un’estate italiana
Che carrellata di campioni: la rivelazione Schillaci, Baggio, Vialli, Baresi, Bergomi, Maldini, e poi ancora Maradona, Matthaus, Gullit, Van Basten…

Buona estate a tutti!
Ascolta la playlist anche su:
Testo di Corrado
Seguimi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Ti potrebbe interessare anche

Teatro dell’Opera alle Terme di Caracalla: Nabucco

Ogni estate il Teatro dell’Opera sposta la sua sede nelle suggestive Terme di Caracalla. Ogni anno vengono proposti spettacoli differenti (QUI il link per visionare ...

Il Medioevo a Roma: una visita teatralizzata

Inutile dire che partecipare ad una visita guidata è un’esperienza totalmente diversa dal semplice girovagare “profano” per le vie di Roma, come in qualunque altro ...

Privacy Preference Center

    Tecnici

    _wpss_p_, _wpss_h_, JCS_INENTIM, JCS_INENREF

    Analisi

    _gat, _gid, _ga, __unam

    Marketing

    pxcelPage_c010
    __stid