Home -> diari di viaggio -> Itinerario alla scoperta delle città d’arte e dei borghi più suggestivi d’Italia

Itinerario alla scoperta delle città d’arte e dei borghi più suggestivi d’Italia

La Riviera Romagnola è uno dei luoghi turistici più frequentati, sia da italiani che da stranieri; ma se è famosa soprattutto per la bellezza del suo mare cristallino, per le sue spiagge dorate e per i divertimenti che offre nelle lunghe notti d’estate, si può rivelare una piacevole sorpresa per chi, oltre a divertirsi e rilassarsi, vuole scoprire luoghi d’arte e di cultura.

Si può ad esempio scegliere Cattolica, che è considerata una delle cittadine più belle della Riviera e che offre un’antica tradizione di ospitalità, con servizi alberghieri per tutte le esigenze, dagli hotel di lusso ai noti b&b di Cattolica, confortevoli e adatti a tutte le tasche.
Qui si può visitare la Chiesa di S. Apollinare, la Rocca Malatestiana, edificata nel 1490 per poter avvistare gli assalti dei corsari, o la Torre di origine bizantina, costruita sul colle di Monte Vici che domina la città.
Irrinunciabile è anche una passeggiata in piazza Primo Maggio dove, al suo centro,sorge la stupenda Fontana delle Sirene, opera dello scultore Casalini, per poi ammirare, nel giardino accanto, le fontane danzanti che zampillano a ritmo della musica.

riviera romagnola riviera romagnola

Un itinerario nella Riviera Romagnola, alla scoperta delle città d’arte e dei borghi più suggestivi d’Italia

Cosa fare a Gradara

Ma ancora più sorprendente e ricco di storia é il suo entroterra dove sorgono suggestivi borghi come Mondaino, Saludecio, Montegridolfo e per completare questo itinerario, ultima tappa imperdibile è Gradara.
Famosa per la sua Rocca Malatestiana, bellissimo esempio di architettura medievale, ma anche ricca di fascino perché qui, come racconta anche Dante, si è consumato il dramma del grande amore di Paolo e Francesca, uccisi da Gianciotto Malatesta, fratello di Paolo.

Cosa fare a Gradara? Si può appunto partecipare ad una visita guidata all’interno del castello, che permetterà di conoscere luoghi dove storia e leggenda si sono fusi insieme da secoli e ammirare i capolavori in esso custoditi come la Pala della Robbia o gli affreschi del bolognese Aspertini.

riviera romagnola

Cosa vedere e dove alloggiare a Riccione

Se invece si vuol partire alla scoperta del territorio da un altro punto della Riviera, si può cercare dove alloggiare a Riccione, scegliere un albergo o un b&b a Riccione e da lì partire alla scoperta di nuovi posti incantevoli da visitare.

Da una passeggiata sul lungomare si può arrivare a Piazzale Roma per ammirare la bellissima fontana del Bosco della Pioggia, per poi entrare nel cuore pulsante della città, attraversando Viale Dante e Viale Ceccarini.
Consigliate sono una visita a Villa Mussolini ed una a Villa Franceschini, dove ha sede la Galleria d’arte Moderna. Se infine ci si vuole immergere in un’esperienza fantastica, basta raggiungere il parco tematico Oltremare e lasciarsi qui trasportare nel suggestivo e spesso sconosciuto mondo marino.

Alla scoperta di San Leo

Sia che si alloggi in città o in alberghi nei dintorni di Riccione, è sempre bello spostarsi poi nell’entroterra in cerca, anche qui, di interessanti borghi da visitare. Come non andare,ad esempio, alla scoperta di San Leo, uno dei borghi più belli di Italia.

San Leo sorge su un’enorme roccia a strapiombo e vi si può accedere attraverso una sola strada tagliata nella roccia. Sulla punta più alta del masso si eleva il Forte di San Leo che diventò prigione durante il periodo pontificio e dove furono rinchiusi Felice Orsini e Cagliostro.
Da visitare il Convento di Sant’Igne del XIII secolo in cui è custodito un frammento dell’olmo sotto il quale si fermò e predicò San Francesco durante una sua visita a San Leo; e ancora il Duomo in stile romanico, la torre campanaria, il Palazzo Mediceo che, costruito per il governatore della Repubblica Fiorentina, porta scolpito sulla facciata il giglio, stemma di Firenze.

riviera romagnola riviera romagnola

Impossibile, quindi, lasciarsi scappare l’opportunità di organizzare un viaggio alla scoperta di tali città d’arte e di questi splendidi borghi, in un itinerario attraverso angoli d’Italia tutti da scoprire.

Testo di Nadia Cammarano

(post scritto in collaborazione con ByTek Marketing Srl)

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Ti potrebbe interessare anche

Donnas

Donnas: l’antico borgo ed il vino valdostano DOC

Un luogo dalla storia millenaria in cui oggi il suo silenzio stride col rumore delle botteghe artigiane medievali; la sua quiete nasconde la vivacità di ...

Cammino di Santiago Navarra

Cammino di Santiago: attraverso la Navarra

…Il diario di Viaggio “Cammino di Santiago: attraverso la Navarra” è la seconda e ultima parte dell’intero racconto… Leggi anche la prima parte: La prima ...