Home -> diari di viaggio -> In giro tra Lazio ed Umbria: Viterbo, Cascate delle Marmore e non solo…

In giro tra Lazio ed Umbria: Viterbo, Cascate delle Marmore e non solo…

 

Vivendo a Roma, nel caos frenetico della città, spesso nel week end abbiamo voglia di passeggiare a contatto con la natura e del relax che solo i piccoli borghi possono offrirti.
Per fortuna l’alto Lazio, la vicina Umbria, le Marche e la Toscana possono offrire, a poche ore di distanza, dei veri paradisi naturali.

In uno dei nostri week end fuori porta, complice il bel tempo, decidiamo quindi di dedicarci ai dintorni di Viterbo, con serata alle famosissime Terme dei Papi e alle Cascate delle Marmore. Ovviamente, come ogni volta che ci mettiamo in macchina con una coppia di amici spesso complice delle nostre avventure italiane, al di là delle mete fissate già da Roma, ci ritroviamo a girovagare per strade e paesini sperduti.
Partiamo da Roma il sabato mattina e nell’ordine visitiamo Ronciglione, il Lago di Vico e Caprarola, dove decidiamo anche di entrare al Palazzo Farnese e di pranzare all’Antica Trattoria del Borgo, che si rivelerà un’ottima scelta (antipasti, primi piatti e dolci buonissimi….i secondi non li abbiamo provati).


Dopo pranzo proseguiamo il nostro giro verso Fabrica di Roma, Valerano, Vignanello e Soriano, per arrivare a così nel centro di Viterbo, dove ovviamente passiamo le ore serali girovagando per strade e piazze, fino a raggiungere il nostro B&b Colle Verde, poco fuori il centro, immerso in un verde giardino dal quale mi godo il tramonto.



Ancora pieni per il pranzo, decidiamo di non cenare e di andare direttamente alle Terme, dove ci aspetta la calda acqua della piscina esterna. Terminiamo così il primo giorno di viaggio, chiudendo in dolcezza con un cornetto prima di andare a dormire.


Il secondo giorno al risveglio ci aspetta un bel sole ed una colazione abbondante prima di dirigerci verso le Cascate delle Marmore. Passiamo qui tutta la mattinata, divertendoci a seguire i vari sentieri che ti portano a scoprire angoli con panorami sulle cascate e sui boschi davvero bellissimi.
Ci inoltriamo anche nel tunnel dell’amore, dove è impossibile uscirne senza essere totalmente bagnati…ma è troppo divertente per non farlo e poi il sole ci asciugherà!



Mangiamo un panino al volo e dopo pranzo ci avviamo verso Cascia (particolarissimo il Santuario di Santa Rita con l’inusuale colorazione sui toni del blu) e verso Norcia, patria di salumi e affini…passeggiare sul breve corso, pieno di “norcinerie”, è un vero piacere per chi ama la buona cucina!
Nel tornare verso Roma, ci allunghiamo a Castelluccio, un piccolo paesino situato ai piedi dei Monti Sibillini. La strada che percorriamo è bellissima. Valli immerse nel verde, circondati da monti e colline e sovrastati da un cielo azzurro puntellato da qualche nuvoletta.


Nella mia mente è l’immagine perfetta da associare alla calma ed al relax tipici delle campagne umbre.
Purtroppo però è già quasi sera….ed il caos di Roma reclama la nostra presenza.
Finisce così un bellissimo week end…ma per fortuna di giornate così ne viviamo spesso!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Ti potrebbe interessare anche

Cosa vedere a Viterbo

Cosa vedere a Viterbo, la città dei Papi

Siamo stati a Viterbo durante il nostro weekend tra Lazio ed Umbria, incuriositi da questa città così vicina a Roma ma turisticamente non molto nota. ...

Cosa vedere a San Felice Circeo

Cosa vedere a San Felice Circeo

Siete alla ricerca di un bel posto di mare, poco lontano da Roma, con acqua pulita ed un piccolo paesino dove trascorrere qualche giorno di ...