Home -> roma -> Visitare il Colosseo con Musement

Visitare il Colosseo con Musement

Tutti conoscono il Colosseo (noto anche come Anfiteatro Flavio). Chi non l’ha visto di persona (perché non è stato mai a Roma, altrimenti è impossibile!) sicuramente ne ha sentito parlare. Si tratta dell’anfiteatro romano più grande al mondo, in grado di contenere da 50 mila a 70 mila persone, ed una delle opere più imponenti giunte fino ai nostri giorni, tanto da esser stato inserito nell’elenco delle 7 meraviglie del mondo moderno, nonchè patrimonio Unesco dal 1980.

Il Colosseo nella storia

La costruzione del Colosseo ebbe inizio nel 72 d.C., durante l’impero di Vespasiano, ed inaugurato nel 80 d.C. da Tito, in un area in cui sorgeva un lago artificiale voluto da Nerone per la sua Domus Aurea, proprio a ridosso del Foro Romano.
Il nome “Colosseo” deriva dalla sua imponenza: in epoca medievale veniva definito colosseum, colossale, sopratutto rapportato alle abitazioni che in quell’epoca circondavano il monumento, mentre altre versioni fanno derivare il nome da una statua enorme che sorgeva a poca distanza.

All’epoca della sua costruzione veniva utilizzato per gli spettacoli dei gladiatori (che combattevano contro i leoni) o come palco teatrale per rievocazioni di drammi mitologici, battaglie famose e altre manifestazioni pubbliche. Nel corso dei secoli è stato poi dismesso e utilizzato come area di sepoltura, palazzo/castello e successivamente anche come cava di travertino (materiale riutilizzato per altre costruzioni).

Ad inizio del 1800 iniziarono le prima grandi opere di rivalorizzazione di ristrutturazione, volte sopratutto alla stabilità del Colosseo, messa in pericolo dalle opere di scavo.

Il Colosseo oggi

Oggi il Colosseo è in assoluto uno dei simboli di Roma, è stato resto agibile ed è quindi aperto al pubblico (previo pagamento di un biglietto di ingresso) anche se non completamente (ad esempio non è possibile scendere nelle gallerie, come invece accade nel caso si visiti l’Anfiteatro di Santa Maria Capua Vetere). Al suo interno è presente anche una piccola esposizione di reperti archeologici e tabelle esplicative.
Il sito è completamente accessibile da parte di visitatori con disabilità motorie.

Colosseo: Curiosità, leggende e numeri

Il Colosseo è, da diversi anni oramai, il sito più visitato in Italia.

Esistono alcune leggende sul suo utilizzo. La principale lo vede come luogo di martirio di cristiani: questa falsa credenza portò Papa Benedetto XIV a porre una croce laddove si pensava sedesse l’Imperatore durante gli spettacoli di uccisione dei cristiani.

Secondo alcuni miti medioevali, il Colosseo rappresenta l’ingresso verso gli inferi ed è qui che di notte le anime dei morti cercano conforto.

Un’altra leggenda afferma che i semi di piante “esotiche” presenti nella zona del Colosseo sono state portate dai sandali dei pellegrini in visita a Roma.

Ecco qualche numero sul Colosseo: l’edificio forma un ovale di 527 m di perimetro, con assi che misurano 187,5 e 156,5 m. L’arena all’interno misura 86 × 54 m, con una superficie di 3.357 m². L’altezza attuale raggiunge 48,5 m, ma originariamente arrivava a 52 m; è composta da 4 ordini: 3 livelli inferiori con 80 arcate (di cui 4 più larghe dedicate all’ingresso dei gladiatori e dei personaggi illustri) ed un quarto livello senza aperture. Poggia su una base in tufo di circa 13 m di spessore.

Visitare il Colosseo con Musement

Noi abbiamo avuto modo di visitare il Colosseo grazie ad una collaborazione con Musement. I vantaggi di acquistare il ticket mediante il loro sito sono notevoli:

  • Accesso veloce e senza file in ingresso. Se passate di fronte al Colosseo noterete che la fila è spesso proibitiva. Grazie a Musement verrete condotti ad un ingresso laterale da cui accedere in modo molto rapido.
  • Visita dell’Arena dei Gladiatori. Solo mediante intermediari è possibile accedere a quest’area normalmente interdetta al pubblico. Vi farà godere di una vista privilegiata sul Colosseo e sulle sue gallerie.
  • Breve spiegazione della struttura e di cosa si andrà a visitare in autonomia: la guida vi condurrà all’interno del monumento e vi spiegherà tutto quello che c’è da sapere prima di iniziare la vostra visita, restando a disposizione per tutte le vostre domande.
  • Ingresso al Foro Romano e al Palatino, anche in questo caso senza file e con una introduzione ai siti fornita dalla vostra guida dopo l’ingresso al Monte Palatino.

Colosseo: informazioni utili

Con lo stesso biglietto è possibile accedere anche al Foro Romano e al Palatino.
Per raggiungere il Colosseo la strada più semplice è quella di utilizzare la metro B e scendere alla fermata omonima, di fronte alla quale transitano anche diversi bus (51, 75, 85, 87, 118, N2).
Piazza del Colosseo, 1, 00184 Roma
http://www.turismoroma.it/

Se vuoi vedere tutte le foto della mia visita clicca QUI.

Post scritto in collaborazione con Musement

Vai all’elenco dei luoghi di interesse di Roma

Se vuoi un consiglio su cosa fare e vedere a Roma e dintorni consulta la nostra MAPPA!

Seguimi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Ti potrebbe interessare anche

Cosa fare a Natale a Roma: eventi 2018 e tradizioni

Questo è il primo anno che trascorro il Natale a Roma; solitamente approfittiamo delle vacanze natalizie per raggiungere le nostre famiglie in Calabria o in ...

Porta Salaria

Porta Salaria è, anzi era, una delle porte delle Mura Aureliane dell’Antica Roma, chiamata così perché attraversata dalla via Salaria Nova, ma spesso nota anche ...

Privacy Preference Center

    Tecnici

    _wpss_p_, _wpss_h_, JCS_INENTIM, JCS_INENREF

    Analisi

    _gat, _gid, _ga, __unam

    Marketing

    pxcelPage_c010
    __stid