Home -> #estatealfresco -> Jelling: le pietre runiche e l’origine del nome Danimarca

Jelling: le pietre runiche e l’origine del nome Danimarca

Sarebbe bello se tutte le nazioni vantassero un certificato di nascita, in cui, per la prima volta viene scritto il proprio nome. Per la Danimarca, questo “certificato” sono le pietre runiche rinvenute a Jelling, a Vejle, nella regione dello Jutland.

Le due pietre, oggi patrimonio Unesco, sono protette da due teche di vetro attraverso le quali è possibile osservare le iscrizioni, degli illeggibili (per noi ignoranti) simboli runici, che contengono per la prima volta la parola “Danimarca” in riferimento al territorio  sotto il dominio di Gorm il Vecchio nel X secolo, che fu colui che commissionò tale opera, chiamata appunto Pietra di Gorm (è la roccia più piccola fra le due). La scritta infatti è una dedica alla moglie “Re Gorm, fece questo monumento in memoria di sua moglie Thyra, orgoglio della Danimarca”, e si tratta del primo scritto di un re Danese.

La roccia più grande, la Pietra di Aroldo Dente Azzurro (vi ricorda qualcosa il suo nome, tradotto in inglese?), è una dedica a suoi genitori Gorm e Thyra, “Re Aroldo ordinò che fosse fatto questo monumento in onore di Gorm, suo padre, e di Thyra, sua madre, quell’Aroldo che regnò sull’intera Danimarca e Norvegia e che convertì i Danesi al Cristianesimo”, ed ha due particolarità: il testo è scritto in orizzontale e non in verticale (come da tradizione runica) e compare la prima raffigurazione di Cristo in Scandinavia. 

Pietre Runiche di Jelling: informazioni utili

Il sito è accessibile liberamente. Vicino alle pietre è stato innalzato un particolarissimo monumento che rappresenta una nave vichinga. La città più vicina è Vejle. Le coordinate per raggiungere il monumento in auto sono  55°45’24.2″N 9°25’10.1″E

Aldilà dell’enorme importanza storica, il panorama è suggestivo. Noi abbiamo raggiunto il sito al tramonto, nel nostro primo vero giorno di viaggio in Scandinavia, eravamo gli unici visitatori, e ci siamo potuti godere con calma e silenzio questo luogo magico.

 

Forse ti interessa leggere anche:

 

Seguimi

12 commenti

  1. Mi piace l’idea del certificato di nascita 😀

  2. Stefania Ciocconi

    E’ la prima volta che sento nominare questo luogo davvero unico. Sai che io cerco sempre di visitare i siti Patrimonio UNESCO perciò quando andrò in Danimarca lo visiterò 🙂

  3. Interessantissimo! Non conoscevo assolutamente questa storia e anche il sito mi sembra molto bello!

  4. non conoscevo tutti questi particolari..grazie!

  5. Molto interessante! grazie!

  6. Storia del nome a parte,che è molto interessante, il posto è incantevole!!! Tutto quel verde con le luci del tramonto! Una meraviglia!poi avete avuto anche la fortuna di trovarvi lì da soli,quindi è un po’ come se fosse stata una visita privata😁

  7. Non avevo mai sentito parlare di questo luogo…ma d’altronde la Danimarca mi manca ancora del tutto, e prima o poi devo rimediare assolutamente! 🙂

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Ti potrebbe interessare anche

Dragor

Dragor: antico villaggio di pescatori vicino Copenaghen

Dragor è un piccolo e antico villaggio di pescatori situato sull’isola di Amager a circa mezz’ora di distanza da Copenaghen. Storicamente si tratta di uno ...

vienna giorno 2

Vienna: dai palazzi imperiali al modernismo

Vienna giorno 2 Dall’eleganza classica dell’Hofburg e della Scuola di Equitazione Spagnola al modernismo dell’ Huderrtwasserhaus. Io e mia madre non siamo due gran dormiglione. ...