Home -> roma -> Il Medioevo a Roma: una visita teatralizzata

Il Medioevo a Roma: una visita teatralizzata

Inutile dire che partecipare ad una visita guidata è un’esperienza totalmente diversa dal semplice girovagare “profano” per le vie di Roma, come in qualunque altro luogo di interesse.

La visita guidata permette di cogliere aspetti architettonici, artistici, storici, collegamenti, particolari, legami anche con l’attualità, che non si comprendono semplicemente gironzolando per le vie di Roma così piene di storie da raccontare.

Ovviamente, tutto cambia se colui che va a spasso ha la necessaria preparazione e quindi non ha bisogno di una guida 🙂 ma possiamo dire che generalmente non è il nostro caso.

Calarci in un luogo, che sia una strada, un palazzo storico, un castello, un museo etc. ascoltando le spiegazioni di una persona che sa di cosa parla è una bella esperienza, un modo più pieno di godere di quello che abbiamo intorno o di un luogo che andiamo a visitare.

Il Medioevo a Roma: una visita teatralizzata

L’occasione di fare una visita guidata teatralizzata a Roma è venuta grazie ad un regalo ricevuto a Natale: un coupon per iscriverci ad uno dei percorsi proposti da “I viaggi di Adriano”. Regalo azzeccatissimo!

Abbiamo scelto un giro che si svolgesse interamente all’aperto per poter partecipare insieme con il nostro piccoletto (in passeggino o marsupio) e con una semplice telefonata abbiamo prenotato la visita guidata “Il Medioevo a Roma”, ambientata a Trastevere.

Ora, dire Trastevere significa tantissime cose, gli scenari sono tanti, e questo percorso con l’archeologo Andrea Papalini ci ha fatto scoprire luoghi e storie di questo bellissimo quartiere che ancora non conoscevamo. Questo è un ulteriore vantaggio delle visite guidate: affidarsi a una persona che sa permette di fare sempre nuove scoperte e imparare sempre qualcosa.

La passeggiata ha avuto inizio in piazza San Cosimato dove abbiamo “fatto la conoscenza” dell’imperatore Federico II di Svevia, per concludersi circa due ore dopo in largo San Giovanni de Matha in compagnia di Cola di Rienzo.

Sì, sto dicendo che siamo stati lì e queste personalità del passato erano con noi! Non sono impazzito: tutti i personaggi storici sono stati messi in scena dagli attori della compagnia Kyo Art Productions Luca Basile, autore anche dei testi, e Valerio Di Benedetto. Abbiamo avuto modo così di vedere all’opera anche altri protagonisti della storia italiana nel Medioevo, da papa Bonifacio VIII a Dante Alighieri a Sciarra Colonna fino a Francesco d’Assisi.

Ci ha colpito, tra le altre cose, la scelta di cercare di proporre i dialoghi di Dante e Cola di Rienzo ricalcando il rispettivo volgare dell’epoca.

Vedere inscenati alcuni momenti salienti della storia medievale, come il famoso schiaffo di Sciarra Colonna a papa Bonifacio VIII, dà agli eventi quella concretezza che ovviamente non hanno quando li leggiamo sui libri di storia. Lo stesso è avvenuto, per esempio, per l’incontro di Francesco d’Assisi con papa Innocenzo III.

C’è da aggiungere che, se la messa in scena ha rispettato in genere il racconto degli eventi secondo la tradizione, ad ogni scena teatralizzata ha fatto sempre seguito il commento di Andrea Papalini per contestualizzare gli episodi dal punto di vista spazio-temporale e talvolta riportarli sul piano storiografico, non sempre perfettamente coincidente con quanto tramandato dalla tradizione “profana”. Per noi è stato un approfondimento importante anche per capire come questi due piani del racconto storico possano divergere e quanto il racconto tradizionale possa comunque influenzare il corso degli eventi, pur non corrispondendo pienamente alla realtà di quanto accaduto.

Le spiegazioni della guida, peraltro, non hanno avuto mai un noioso tono “cattedratico”, ma sono state sempre vivacizzate da battute e opinioni personali, che davano verve a un racconto molto esaustivo e approfondito.

Siamo infine grati a questa visita guidata per averci fatto scoprire un piccolo gioiello che non avevamo purtroppo mai visitato, pur essendoci passati davanti decine di volte: la Chiesa di San Francesco a Ripa, in piazza San Francesco d’Assisi, che vanta, tra le varie opere di valore, la Beata Ludovica Albertoni scolpita dal Bernini, oltre ad essere il sito dove è sepolto l’artista Giorgio De Chirico.

Per maggiori informazioni sulla visita Il Medioevo a Roma e per prenotare le prossime visite guidate e teatralizzate vi consiglio di visitare i seguenti siti:

Testo di Corrado

Seguimi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Ti potrebbe interessare anche

Osteria della Carne

Ero stata all’Osteria della Carne tanti anni fa e ho ancora il ricordo di un filetto ai funghi davvero strepitoso. Come mai non ci sono ...

Galleria Sciarra

Incipe, parve puer, risu cognoscere matrem” “Comincia, bambino, a conoscere la madre dal sorriso” Non avrei mai notato questa frase se una guida, intenta a ...