Home -> roma -> Basilica di Santa Maria in Aracoeli

Basilica di Santa Maria in Aracoeli

Di tutte le Chiese di Roma, che poche non sono, ce n’è una che non potevamo non visitare durante un tour della Città Eterna dedicato al cielo: la Basilica di Santa Maria in Aracoeli. Il nome già spiega ogni cosa; come non fare tappa mentre stiamo scoprendo quanto è bella “Roma dal Cielo“? Questo è il nome della visita organizzata per noi blogger dell’Associazione Italiana Travel Blogger, da Sky Team, in collaborazione con Sinopie.

Basilica di Santa Maria in Aracoeli

La Basilica di Santa Maria in Aracoeli si trova sul Campidoglio ed è una delle chiese più alte di Roma. La sua prima costruzione risale al VI secolo e sembra che sia stata eretta sui resti di un Tempio Romano, dedicato a Giunone.

Basilica di Santa Maria in Aracoeli: l’esterno

L’aspetto attuale della Chiesa, in stile romanico piuttosto semplice, è legato ad una ristrutturazione avvenuta ad opera dei francescani a partire dal 1250. La vera particolarità è la scalinata ripidissima che conduce al suo ingresso principale. Guardandovi indietro prima di entrare in chiesa potrete ammirare un bellissimo panorama di Roma, con le cupole delle tante chiese barocche che si trovano nel suo centro storico e, sullo sfondo, il Teatro Marcello.


In realtà è possibile raggiungere la Chiesa anche senza affrontare questa scalinata ma entrando da un ingresso secondario al quale si accede raggiungendo Piazza del Campidoglio, grazie ad una scalinata decisamente più accessibile (i gradini sono stati pensati per essere utilizzati dai cavalli).

Basilica di Santa Maria in Aracoeli: l’interno

L’interno è diviso in tre navate, con archi a tutto sesto, che terminano in altrettante cappelle absidali; molte delle decorazioni richiamano lo stile barocco, il pavimento è in marmo colorato, il soffitto è di legno a cassettoni e le colonne che dividono le navate, tutte diverse tra di loro, provengono da edifici dell’antica Roma.

La Chiesa è ricca di opere d’arte di rilievo ma quello che più colpisce gli occhi del visitatore sono i lampadari, che sembrano più appartenere ad un palazzo aristocratico che ad una chiesa, ed una delle cappelle laterali. E’ proprio per questa cappella che la Basilica di Santa Maria in Aracoeli è meta di molti visitatori: “il Bambinello dell’Aracoeli“, una scultura lignea raffigurante Gesù Bambino creduta miracolosa. Nei secoli moltissimi fedeli raggiunsero questa chiesa chiedendo all’effigie guarigioni e miracoli. La statua fu rubata nel 1994, mai ritrovata, e sostituita con una copia che continua comunque a ricevere le visite e le richieste dei credenti.

Curiosità sulla Basilica di Santa Maria in Aracoeli

Oltre alla presenza caratteristica della statua miracolosa, sono altre le leggende/curiosità su questa chiesa:

  • La scalinata che precede il suo ingresso è considerata anch’essa miracolosa e viene percorsa in ginocchio da donne in cerca di marito, da chi desidera figli e anche da chi vuole vincere al lotto!
  • Si svolge in questa chiesa una fase dell’ultima missione del videogioco Assassin’s Creed

Informazioni Utili

Scala dell’Arce Capitolina, 12, 00186 Roma RM
http://www.vicariatusurbis.org/?page_id=188&ID=887

Come vi dico sempre, non sono una esperta d’arte, mi limito ad osservare ciò che mi piace e a parlarvene sommariamente nel mio blog. Qualora siate interessati ad approfondire l’argomento, vi consiglio di organizzare una visita guidata con Sinopie e, nel frattempo, a consultare i seguenti link:
https://www.scopriroma.com/basilica-santa-maria-aracoeli
https://www.romasegreta.it/campitelli/campidoglio/s-maria-in-aracoeli.html

– Chiese di Roma –

Vuoi un consiglio su cosa vedere a Roma e dintorni?
Consulta la MAPPA!

Seguimi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Ti potrebbe interessare anche

colazione Roma San Paolo

Dove far colazione a Roma zona San Paolo fuori le mura

La colazione è il pasto principale della giornata. Lo ripetono tutti, medici, dietologi, tuttologi, etc da sempre. E allora non posso dirlo anche io? Certo ...

Loste Ria

Loste Ria. Che nome curioso per un ristorante, mi ha colpito fin da subito. Ed è forse per questo che sono andata a sbirciare il ...