Home -> asia -> L’altra parte del mondo: la Corea del Sud

L’altra parte del mondo: la Corea del Sud

Vi è mai capitato di pensare a posti talmente tanto lontani da avere difficoltà perfino ad immaginare quello che ci può essere? E, se mai vi è successo, conoscete quella voglia di prendere e partire per andare a scoprire, conoscere, vedere? Bene, il mio viaggio in Corea del Sud è nato proprio così: non è una delle mete principali, di quelle turistiche (il che ha aggiunto indiscutibilmente valore alla mia permanenza, in quanto priva del chiassoso brusio italiano) e non ci si capita per caso, ad esempio per uno stop over come può invece accadere con Thailandia o Malesia…
La Corea del Sud è una scelta volontaria, voluta, cercata e ricercata.

La soluzione migliore, almeno durante il periodo di capodanno, prevedeva uno scalo a Mosca (e quindi con voli operati dalla compagnia russa Aeroflot): partenza da Napoli, scalo nella terra degli Zar (dove purtroppo senza visto non è possibile abbandonare l’aeroporto…) e poi dritti fino a Seoul.

Già, Seoul…che città fantastica…un connubio di moderno ed antico, un incrocio tra grattacieli imponenti, realizzati con le più evolute tecniche ingegneristiche e caratteristiche architettoniche…e palazzi storici, templi…
Seoul è semplicemente una città da vivere, scoprire, muovendosi con l’efficientissima rete metropolitana o semplicemente con i taxi che, a dispetto del costo medio della vita coreana, sono molto abbordabili.

Non mi dilungherò, come sempre, nella descrizione di quelli che sono i siti di interesse turistico, per i quali ci sono, online, informazioni di ogni tipo; Seoul supera ogni aspettativa forse perché, cosi’ lontana, è difficile da immaginare.
Eppure c’è, è viva, pullula di gente e di cose da fare…negozi di ogni tipo, street food praticamente ovunque, mercatini che fanno da sfondo a centri commerciali dove la tecnologia la fa da padrone…insomma, a Seoul vale la pena passarci un po’ di tempo, perché ha tanto da offrire.
Piccola curiosità:  a Seoul esistono dei negozi dove è possibile affittare i loro abiti tradizionali. Se indossi questi abiti, non paghi il biglietto di ingresso nei palazzi 😉

Tuttavia, per chi ha sempre più voglia di conoscere, di vedere, c’è, a due ore e mezzo di treno (ed i treni sono puntualissimi e pulitissimi, anche se non proprio economici), Busan, la seconda città coreana per abitanti ed estensione. Vista cosi’, sulla mappa, sembra un posto dimenticato da Dio ed invece è un’altra città enorme, affacciata sul mare, con ponti che collegano i vari quartieri della città e le conferiscono un fascino del tutto particolare.

(Testo e foto di Sabino Sernia)

Seguimi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Ti potrebbe interessare anche

Viaggiare con bambini

Viaggiare con bambini: la difficile arte del ‘ce la posso fare’

“Ce la posso fare” è l’espressione che penso più spesso da quando abbiamo iniziato a viaggiare con bambini, anzi con un solo pupetto, che con ...

Tanto Pe' Magna'

Tanto pe’ magna’: trattoria romana della Garbatella

Tanto pe’ magna’ rispecchia totalmente i canoni della tipica trattoria romana: pochi fronzoli, pochi piatti e solo quelli della tradizione, senza nessuna rivisitazione, e tanta ...

Largo di Torre Argentina

Largo di Torre Argentina, l’antica Roma ed i suoi gatti

Largo di Torre Argentina è uno dei luoghi a mio parere più sottovalutati a livello turistico ed archeologico di Roma. Situato in una zona molto ...