Home -> diari di viaggio -> Torre Flavia e Ladispoli in una giornata d’estate

Torre Flavia e Ladispoli in una giornata d’estate

L’estate a Roma sa essere infernale. Un caldo insopportabile ed un mare, quello più vicino alla città, che di certo non ricorda neanche vagamente la mia calabria. Ma è davvero proprio così? Mi sono resa conto, parlando sui social con altri blogger e leggendo notizie in rete, che sono ancora tante le cose che non conosco dei dintorni della Città Eterna, e le piccole sorprese che riesce a regalare.
Un esempio è Torre Flavia. Non c’ero mai stata nè tanto meno l’avevo mai presa in considerazione come possibile meta. Fino al momento in cui non me ne ha parlato Lucia dei Viaggi dei Mesupi.
Leggo spesso il suo blog e trovo interessanti i consigli che regala e bellissime le sue foto. Perché stavolta avrebbe dovuto esser differente?
E così, do una ulteriore opportunità al mare nei dintorni di Roma e sabato con Corrado decidiamo di esplorare questa zona.
Una scelta perfetta. Da Roma ci si arriva comodamente in autostrada in circa 40 minuti. Noi siamo riusciti a parcheggiare a due passi dall’ingresso del Monumento Naturale Palude di Torre Flavia e questo ci ha permesso, oltre a gustarci un fantastico viale che conduce alla spiaggia, di fare una deviazione verso la palude. Sono molti gli uccelli che trovano dimora nei laghetti e tra le alte frasche che li circondano. Ed è bello vedere come il posto sia abbastanza ben curato dagli enti. Sarebbe interessante poter prendere parte ad una visita guidata, per avere maggiori dettagli su fauna e flora del luogo.

IMG_2494 (Copy)
Dal sentiero, in pochi minuti di cammino si arriva alla spiaggia di sabbia sottilissima e dorata.
Noi ci siamo fermati a pochi passi dal sentiero stesso, attratti dalla presenza di poche persone, ma, se dovessimo tornare, sceglieremmo il lato opposto rispetto alla Torre, perché maggiormente protetto dal vento (nel pomeriggio infatti, quando il vento si è fatto insistente il mare dinanzi al nostro ombrellone  si è abbastanza increspato in onde lunghe mentre nel tratto di costa più vicino al centro di Ladispoli il mare è rimasto molto più calmo). Comoda la presenza del campeggio con bagni e bar a disposizione anche di chi usufruisce della spiaggia pubblica (lettini e docce a pagamento).
Appena arrivati ci siamo fiondati in acqua, eravamo curiosi di vedere se fosse effettivamente diversa dal mare torbido a cui siamo abituati nei dintorni di Roma. E devo ammettere, che sebbene sia lontana dagli standard con cui sono cresciuta (la Calabria vi vizia da questo punto di vista), il mare era piuttosto limpido e pulito, nonostante siano presenti onde ed il fondale sabbioso non aiuti a mantener chiara l’acqua.

IMG_2512 (Copy)
Molto particolare una secca che si è formata, a detta di un bagnante, dopo i recenti temporali, con un gradino da cui i bambini giocano a tuffarsi.
Bellissimi gli scogli pieni di canne da pesca. Trovo che ne arricchiscono il panorama. E bella anche la vegetazione della palude a pochi passi dalla spiaggia. Passeggiare è stato molto piacevole, così come rilassarsi sulla spiaggia prendendo il sole o leggendo un libro.

IMG_2528 (Copy)
Ma veniamo al nome: Torre Flavia. Ve l’ho già citata, come delimitazione tra due lati della spiaggia ma non vi ho detto di cosa si tratta. E’ una piccola Torre, o quel che ne resta, di origine romana, che appare oramai come un rudere dopo il bombardamento durante la seconda guerra mondiale, a causa anche dell’erosione della costa laziale con il mare sempre più vicino alla struttura stessa.

IMG_2522 (Copy)

Dopo un po’ di indecisione su cosa fare in serata, se tornare a Roma o meno, e su cosa e dove mangiare, decidiamo di andar per lo meno a vedere il centro di Ladispoli e stabilire il da farsi una volta li. Parcheggiamo (a pagamento, 1€ l’ora fino alle 20) e iniziamo a passeggiare lungo una zona pedonale piena di vita: bancarelle, gente che cammina, bar e locali con tavoli all’aperto, un palco con musica dal vivo… Mi ricorda i paesi calabresi d’estate, animati ed addobbati a festa ogni sera. Si respira una piacevole sensazione di estate e di vacanza, con l’illusione di essere ancora in ferie e non solo in un breve week end. Arriviamo sul lungomare ma il vento è abbastanza forte e preferiamo le vie centrali. Alcuni di questi locali all’aperto hanno allestito anche una brace per arrostire carne. Possiamo non approfittare di questa occasione? Decisamente no. E così eccoci seduti ad uno di questi tavoli, a terminare il nostro bellissimo sabato con della carne alla brace saporita ed economica.

IMG_2551 (Copy)

Siamo certi che ci torneremo, perchè a meno di un’ora da Roma, abbiamo scoperto un piccolo e piacevolissimo mondo che renderà le nostri estati romane ancora più perfette.

 

Guarda tutte le foto della nostra giornata a Torre Flavia e a Ladispoli.

[slideshow_deploy id=’20868′]

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Ti potrebbe interessare anche

Monterano

Monterano, borgo fantasma e set cinematografico

Da poco più di un mese non siamo più in due nella vita e, di conseguenza, a viaggiare. Essere madre ha sconvolto la mia esistenza: ...

Trecca Bistrot Roma

Trecca Bistrot: cucina romana rivisitata in zona Ostiense

Avete presente quei locali tutti a vetro che, anche solo passandoci davanti, siete portati a guardar dentro e ad esclamare “che posto carino”? Ecco, il ...