Home -> arte -> I Macchiaioli

I Macchiaioli

Adoro il Chiostro del Bramante. Non solo è una architettura splendida, ma ospita sempre mostre eccezionali (vi ricordate Escher?), con collezioni di quadri ricche e di gran pregio.

Anche nel caso dei Macchiaioli è così. Moltissime le opere esposte, tanti gli artisti in mostra. Ma quel che più mi ha colpito non sono le opere in sè, bensì il loro criterio di esposizione: il punto di vista non è nè quello ovvio dell’artista, della cronologia o del tema, ma il collezionista. Non per nulla il sottotitolo è “le collezioni svelate”.
La mostra infatti racconta come tra gli stessi Macchiaioli ci fossero dei mecenati che, oltre ad essere artisti a loro volta, si facevano carico di colleghi con maggiore bisogno, invitandoli all’arte e raccogliendo le loro opere in collezioni preziose. Ed è attraverso i loro occhi che il visitatore viene guidato sala dopo sala, scoprendo le relazioni tra gli artisti, le passioni di ogni collezionista, il nesso tra le opere raccolte. E così, il susseguirsi di macchie di colore alle pareti, disegnano in tratti grossolani oggetti così ben delineati, visi espressivi e panorami quotidiani e d’incanto.

La ricerca dei Macchiaioli, di cui Fattori è forse l’esponente più noto al grande pubblico, è lo svolgersi interiore del loro osservare il mondo, il vederlo contemporaneamente così calmo e così intenso.

I quadri esposti sono davvero splendidi, e le spiegazioni dell’audioguida è utile ad immergersi a pieno nella loro analisi, così come in quella dei pittori e dei collezionisti.

Personalmente non amo la ritrattistica, sebbene in alcuni casi anche io ne rimango colpita, quanto piuttosto mi lascio sopraffare dai paesaggi. Quelli dipinti dai Macchiaioli sono speciali, è la nostra Italia in primo piano, quella delle campagne toscane dove i contadini lavorano la terra e gli artisti riposano contemplando la natura.
E’ un paesaggio fatto di terra, di verde, di acqua, di tramonti, di fieno e di fiori.

01_Cristiano Banti, Ritratto di Alaide seduta in giardino, antica collezione Banti (1) 05_Telemaco Signorini, Uliveta (1885 circa), già collezione Edoardo Bruno 07_Raccolta del fieno (1) 24_Serenesi, Pastura in montagna 26_Signorini, Ponte Vecchio
In mostra, al Chiostro del Bramante, a Roma, fino al 4 Settembre 2016.

Info su orari e prezzi ⇒ http://chiostrodelbramante.it/

 

p.s. Le foto utilizzate sono quelle ufficiali dell’evento così come fornite dalla rassegna stampa.

Seguimi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Ti potrebbe interessare anche

Porta Salaria

Porta Salaria è, anzi era, una delle porte delle Mura Aureliane dell’Antica Roma, chiamata così perché attraversata dalla via Salaria Nova, ma spesso nota anche ...

Tempio di Apollo Sosiano e Tempio di Bellona

Di fronte al Teatro Marcello e più precisamente tra i resti che dal Teatro portano fin sotto al Portico d’Ottavia sono ben visibili tre colonne ...